L’iPhone, le mode e l’autostima

Non mi piacciono le mode: tutti a fare la stessa cosa lungo un relativamente limitato arco di tempo. Quando l’iPhone è sbarcato in Italia ero appena entrato in possesso di un BlackBerry che mi consentiva egregiamente di rimanere in contatto con chiunque grazie a quella stupenda invenzione della quale – come tanti – non riesco più a fare a meno: la posta elettronica. Per cui, complice il mio snobistico disinteresse per le mode di massa, ho accantonato il melafonino per un po’, fino a quando il mio BB ha cominciato a dare segni di cedimento. Come utente Mac, quindi (questa è la scusa), non ho potuto fare a meno di acquistare gli ultimi due arrivi da Cupertino: l’iPhone e l’iPad. E mi si è svelato il mondo delle applicazioni a basso prezzo dedicate soprattutto, ma non solo, alla fotografia. Molte si assomigliano e il problema è capire quali servano realmente al tuo scopo: il mio – ça va sans dire – è fare fotografie, appunti visivi, possibilmente divertendomi. Il bello è che, a volte, gli errori si rivelano molto interessanti (lo sapevo già, ma è piacevole ri-scoprire ciò che davo invece per acquisito).

Amo andare in giro leggero e ho quindi ritrovato il piacere di portarmi dietro una quasi macchina fotografica -però tascabile! – e giocare un po’ cercando di tirar fuori delle immagini interessanti (per me, spero anche per altri). Piacere che nella professione viene a volte messo da parte a causa delle ragioni (?) del cliente – motivo per cui è importantissimo sviluppare progetti personali grazie ai quali la propria autostima può recuperare terreno. Inoltre, ciò che mi piace è la velocità con la quale puoi trasmettere o condividere ciò che stai facendo. Certo, venderei l’anima per avere una versione tascabile della mia Hasselblad o della mia 5D, per non parlare della adorata e impolverata vecchia Sinar, ma va bene così.

Ho raccolto un po’ di immagini scattate nelle ultime due settimane. Penso anche di farne una sezione nel mio sito. Perchè no ?

This slideshow requires JavaScript.

Advertisements

About this entry